Da Le aziende che gestiscono l'acqua in Italia.
Questa è la versione approvata di questa pagina, non è la più recente. Visualizza la versione più recente.
Partecipa anche tu nel rendere più trasparente la gestione dell'acqua

Segnalazione di Aziende
facci sapere quale azienda gestisce l'acqua del tuo comune, e se è pubblica o privata, e ti faremo capire quanto questo ci potrà essere utile

Cos'è?
Il database delle aziende che gestiscono l'acqua e il servizio di acquedotto in Italia, raccolto in maniera collaborativa.

A che punto siamo

Aziende censite fino a questo momento: 114
Comuni fino ad ora trattati: 5166 su 8081


La gestione dell’acqua, sia essa affidata ad aziende pubbliche o private, è pur sempre la gestione di un bene comune, fondamentale per la vita.

Il referendum, conclusosi con la vittoria del sì, non porterà certo alla risoluzione dei problemi legati alla gestione dell’acqua. Infatti qualche news in merito c'è stata:
Acqua, la rivincita di Hera (e dei sindaci Pd) - A Bologna aumentano le tariffe del 3,5 %
Sintesi degli aumenti delle tariffe dell’acqua e della Tarsu, varati nel passato Consiglio comunale dalla maggioranza
Referendum acqua, adesso Vendola vota no sulla tariffa

Ma non solo: qualcuno ha provato a creare chiarezza, ma senza dati non è semplice risalire al processo:
Pubblico o privato? Tutta l’Italia della gestione dell’acqua
Referendum a rischio, i padroni dell’acqua italiana

Da qui emerge che esiste un database con le metriche sulla gestione dell'acqua, ma l'accesso non è facilitato: database Utilitatis
Da questo archivio si crea la versione annuale del Blue Book, che costa 90 Euro. ( è consultabile la versione del 2006 )

Per capire meglio come funziona la gestione dell’acqua a casa nostra, è necessaria una maggiore diffusione dei dati territoriali, con l’obiettivo di aumentare la conoscenza e la consapevolezza collettiva su questo delicato tema. Qualcuno, come il wiki Spazio Pubblico, ha iniziato a raccogliere materiale, ma non è abbastanza.

Partiamo da alcune considerazioni: sappiamo davvero chi gestisce la nostra acqua? Siamo in grado di stabilire a colpo d’occhio se la gestione è affidata a un soggetto pubblico o privato? Sappiamo giustificare eventuali rincari delle bollette dell’acqua?

Per ottenere queste informazioni potrebbe essere utile raccogliere i dati anagrafici delle aziende che gestiscono l’acqua servendo i comuni sul territorio italiano; partendo da nome e ragione sociale, tipologia (cioè se pubblica, privata o mista), riportando i nomi dei comuni e classificando questi ultimi per C.A.P., provincia e regione si potrebbe ottenere un’anagrafe delle aziende, che sia poi base per altri dati, come le tariffe o altro.


Senza una base di conoscenza sulle aziende, condivisa ed aggiornata, si fatica a mostrare legami e relazioni interessanti, perchè il lavoro sarebbe troppo sulle spalle di chi deve raccogliere questi dati.

Un elenco incompleto è presente nel sito di FederUtility, la federazione che riunisce le aziende di servizi pubblici locali che operano nei settori dell’energia elettrica del gas e dell’acqua, è presente un quadro molto sintetico dell’ anagrafica delle aziende in cui sono riportati nome, forma societaria e sede legale. Ma non è semplice da navigare, non è completa nè di facile e veloce comprensione, ma è un inizio.


Hai idee sul come usare i dati relativi alla gestione dell'acqua?
Casi ed usi dell'anagrafica delle aziende di gestione dell'acqua